Tutto Vauro – Buongiorno professoressa

INCONTRO CON VAURO

tutto vauro

TUTTO VAURO Sessanta mi dà tanto

(Ed. Piemme)
Per qualche settimana è stato di gran moda gridare “Io sono Charlie”, soprattutto tra potenti, potentini e potentati. Tutti Charlie. Per poi rimangiarselo, ovviamente, alla primissima convenienza. Verrebbe da citare una memorabile prima pagina di Cuore: hanno la faccia come il culo. Non bisogna crederci. La verità è che essere Charlie non è per niente facile, è roba da pochi. Vauro è Charlie da sempre. Sessant’anni di età, quaranta di carriera. Tanta vita e tanto inchiostro sono corsi da quando ha cominciato a raccontare il mondo in satira. Da Il Male a Cuore, da Boxer a Linus, da Il Manifesto a Il Fatto Quotidiano, da Sciuscià a Servizio pubblico, Vauro ha continuato a fare il suo mestiere: prendere per il culo il potere in ogni sua forma – a partire da quel piccolo potere che ciascuno coltiva dentro di sé – sfidando conformismi, querele e inni di indignazione. Una monumentale antologia raccoglie ora in oltre 1.300 vignette – anche a colori – il mondo e l’opera di uno dei più grandi autori satirici italiani. Quarant’anni di politici, prelati, papi, militari, capi di Stato, capoccia, santoni, caporali e gente comune raccontati dal suo pennarello acuminato, che disegna a suon di sberleffi una contro-storia capace di farci ridere a crepapelle e farci incazzare di brutto. Di indignarci e di far pensare. E a volte persino di commuovere. Come solo la grande satira sa fare.

 

buong-profBuongiorno professoressa

di Vauro Senesi
(Ed. Piemme)

Marina è dolce, romantica, indocile, e ha una doppia vita: per i colleghi e gli studenti è un’insegnante capace, entusiasta, che vive il suo lavoro come una serissima e meravigliosa missione. Ma di sera, quando rientra nella casetta che divide con l’anziana madre e un’adorabile tribù di gatti, entra in una dimensione misteriosa che solo lei conosce: quella delle fiabe, di cui è da sempre un’appassionata lettrice. È il suo mondo magico, in cui si immerge per rigenerarsi e tornare più forte a una quotidianità forse troppo solitaria.
Ma la magia è un fenomeno strano, imprevedibile, può persino succedere che, senza preavviso, fuoriesca dalle pagine dei libri e inondi di raggi colorati la vita di tutti i giorni. A volte basta poco: anche un caleidoscopio trovato su una bancarella e una cravatta sgualcita possono diventare oggetti incantati. E trasformare goffe ragazzine in sfavillanti principesse, evocare inquietanti gatti neri, far sbocciare amori impensati. O addirittura restituire a vecchi bambini disillusi il loro antico, fanciullesco spirito di burattino.

Vauro Senesi torna a raccontare il mondo della scuola, questa volta giocando con le favole in chiave contemporanea. Perché niente come una fiaba illumina le nostre vite nascoste.